@
stai leggendo...
diritti

Congedi di Paternità

paternitàE’ stato pubblicato in G.U. il Decreto 22 dicembre 2012 del Ministero del Lavoro in materia di congedo – obbligatorio e facoltativo – per il lavoratore padre.

L’art. 4, commi 24 e 25, della legge n. 92/2012 fissa principi, a carattere sperimentale, in vigore  fino  al 31 dicembre 2015.

Il padre lavoratore dipendente (qualunque sia la tipologia contrattuale di riferimento) ha “l’obbligo” di astenersi dal lavoro per un giorno (in soluzione unica e non ad ore) entro i primi cinque mesi dalla nascita del bambino.

Nello stesso periodo, il genitore può astenersi dal lavoro per altri due giorni  in soluzione unica secondo l’indirizzo contenuto nel DM 22 dicembre 2012), anche continuativi, previo accordo con la madre ed in sua sostituzione in relazione al periodo di astensione obbligatoria ad essa spettante, con un’indennità a carico dell’INPS pari al 100% della retribuzione che sostituisce nelle due giornate, quella dovuta alla madre.

Il dettato letterale parla di “nascita del bambino” ma il Decreto Ministeriale attuativo comprende anche le altre ipotesi assimilate, ugualmente tutelate dalla legge come l’affido e l’adozione, secondo un indirizzo già espresso dalla Corte Costituzionale, particolarmente attenta a queste problematiche, in altre pronunce.

 Il datore di lavoro deve essere informato per iscritto dei giorni di assenza con un preavviso di almeno quindici giorni.

Fatti salvi i c.d. “casi di forza maggiore”, non sembra attribuito al datore un potere di negazione, in quanto la cura del bambino e la condivisione dei compiti in un momento molto delicato della vita del bambino hanno una importanza primaria.

Il decreto stabilisce anche la possibilità di concedere alla madre lavoratrice, al termine del periodo di congedo per maternità, per gli undici mesi successivi ed in alternativa al congedo parentale previsto dall’art. 32, comma 1, lettera a) del D.L.vo n. 151/2001 (si tratta del periodo continuativo o frazionato, non superiore a sei mesi), la corresponsione di voucher (art. 72 del D.L.vo n. 276/2003), da richiedere al datore di lavoro per l’acquisto di servizi di “baby-sitting” o, in alternativa, per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati.

Il Decreto Ministeriale prevede una duplice ipotesi legata al pagamento diretto dei voucher per la baby-sitter pari a 300 euro netti per sei mesi (in alternativa al congedo parentale), mentre nel caso della fruizione di servizi sociali (es. nido) sarà l’INPS a provvedere direttamente al pagamento della quota prevista alla struttura interessata.

L’opzione fra la fruizione del congedo parentale e il riconoscimento economico di cui sopra, seppure affidata alla libera  determinazione della lavoratrice madre, apre una riflessione sull’orientamento del legislatore , che – a fronte dell’inadeguatezza e arretratezza dei servizi alla persona e alla famiglia  – , risponde alla lavoratrice madre ,  in un momento molto delicato della vita del bambino, con una mera e – peraltro inadeguata –  alternativa economica.

A fronte della scarsità delle risorse (“i contributi economici saranno erogati fino a concorrenza”), dovrà necessariamente essere effettuata una graduatoria nazionale tra tutte le donne richiedenti che terrà conto dell’indicatore Isee: a parità, verrà considerato come discriminante l’ordine di presentazione delle istanze.

Non potranno rientrare nel beneficio le donne già esentate dal pagamento delle rette per gli asili nido per motivi reddituali e quelle che godono del contributo previsto dal Fondo per le politiche attive.

Per le lavoratrici a tempo parziale il contributo verrà riconosciuto  “pro – quota e per quelle iscritte alla gestione separata (art. 2, comma 26, della legge n. 335/1995), ( esempio, le collaboratrici a progetto) fino ad un massimo di tre mesi.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti alla CGIL

Servizi Fiscali

Patronato

Carta dei Servizi CGIL Bologna 2016

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Prossimi Eventi

Nessun evento in arrivo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: