@
stai leggendo...
diritti

ICBPI – PROCLAMAZIONE SCIOPERO 10 NOVEMBRE

Ieri pomeriggio è stata consegnata all’Azienda, così come vuole la legge, e alla
Commissione di Garanzia la proclamazione di sciopero di tutti i lavoratori del
gruppo ICBPI per il giorno 10 novembre.
Decisione ormai non più rinviabile, dopo la scadenza del termine del 26 ottobre,
ultimo giorno entro il quale l’azienda doveva rispondere alla convocazione in ABI per
il tentativo di conciliazione.
L’indisponibilità aziendale a presentarsi in ABI non ci ha sorpreso.
Così come ha fatto in questi mesi, dopo l’accordo del 10 aprile, ha rifiutato qualsiasi
confronto, tranne quelli relativi ad argomenti che a lei interessavano
( Vap, valutazione professionale ).
Siamo di fronte ormai ad un atteggiamento arrogante, noncurante dei diritti e delle
prerogative dei lavoratori, visti soltanto come PEDINE
Da spostare secondo il loro volere.
Alle quali cambiare orario a piacimento disdettando contratti integrativi
Da demansionare, dandogli mansioni e lavori lontani anni luce dalla loro
professionalità.
Da considerare solo un peso, una voce di costo di bilancio e nulla più.
Alla faccia degli impegni assunti nell’ accordo del 10 aprile !!
Dove si parlava di :
Reinternalizzare le attività ( oltre il 70%) affidate agli outsurcing
Qualificare professionalmente i lavoratori
Cominciare un percorso di armonizzazione di tutto il personale HelpLine così da
eliminare le differenziazioni ancora esistenti.
E invece, chiusa la partita degli accessi al fondo e delle uscite, si è pensato bene da un
lato, di assumere un nutrito “battaglione ” di manager strapagati e di consulenti, (con
un impennata del costo del lavoro senza precedenti) dall’altro di continuare a
esternalizzare tutto quello che era possibile esternalizzare.
Come ciliegina sulla torta quelle che ormai non sono più soltanto voci, che vogliono
la nostra azienda ormai avviata ad essere spezzettata in aziende “core” e “no core”,
con cessioni di rami d’azienda che per ora, stanno coinvolgendo colleghi di Roma
ma che temiamo, ben presto, riguarderanno intere aziende del gruppo.
Nell’ultima assemblea tutti i lavoratori ci hanno dato pressochè all’unanimità un
mandato importante e impegnativo ; quello di confermare lo stato di agitazione.
E questo abbiamo fatto.
La scelta che ognuno di noi è chiamato a fare è quella di chinare il capo di fronte
a questa arroganza o di reagire.
Per questo in tutte le sedi del gruppo si sta organizzando una partecipazione a Milano,
una manifestazione nazionale di tutti i lavoratori del Gruppo ICBPI.
A Milano ci saremo tutti ; i colleghi di Milano, come quelli di Udine, Bologna e
Roma.
Vi terremo informati sulle moodalità di partecipazione e sugli appuntamenti
Stiamo uniti per riconquistare la nostra dignità
Le RSA Fisac CGIL Sede di Anzola dell’Emilia

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti alla CGIL

Servizi Fiscali

Patronato

Carta dei Servizi CGIL Bologna 2016

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Prossimi Eventi

Nessun evento in arrivo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: